Pagina 1 di 1

Rush

Inviato: mar dic 01, 2015 9:48 am
da AlexMai
Visto che non c'è una discussione legata a loro, colmiamo questa lacuna.

1989. Ero cresciuto musicalmente "ghettizzato" dalla mania per i Kiss, scoperti nel 1980. Ascoltavo anche un sacco di altra roba, ma senza grande passione. In quell'anno, 1989, incontrai un bassista fenomenale, amico d'infanzia di colui che nel 1980 mi aveva fatto conoscere i Kiss (ma che ascoltava un sacco di altra roba, ovviamente, che però era prematura per me). Mi invitò ad ascoltare i Queen. Gruppo che mi stava sulle palle, a dirla tutta, perchè quando hai una mania tutti gli altri, specie se bravi, danno fastidio. Innamoratomi dei Queen, mi disse "però dovresti sentire i Rush...". Io penso "Impossibile, ho scoperto il paradiso coi Queen, come farà un altro gruppo a batterli?". Mi sbagliavo.
I Rush sono in tre.
Il bassista canta e suona le tastiere. Tutto insieme. Roba da alieni. Il mio amico faceva dei pezzi di basso dei Rush da seduto, perchè sono complicati pure per lui (che ha suonato in una cover band dei Rush e quindi li suona pure in piedi, ma era per farmi capire quanto erano complessi), mentre invece Geddy Lee li suona correndo per il palco e cantando, spesso con linee vocali a loro volta complesse e incompatibili con le parti strumentali: oppure suona le parti di basso coi pedali, le tastiere con le mani e canta. Roba da alieni, l'ho già detto? ;)
Il batterista è Neil Peart. Non dovrebbe servire altro, se vi piace questo strumento. Ha vinto il titolo di miglior batterista rock del mondo un numero imbarazzante di volte, e nei momenti liberi scrive anche dei testi che vengono studiati a scuola per la loro profondità.
Alle chitarre invece c'è Alex Lifeson, un vero fenomeno che però di fianco agli altri due sembra una persona normale.
Questi tre girano da 40 anni (è appena uscito R40, DVD e CD che vi raccomando) e sono un simbolo di integrità assoluta: non si sono mai piegati ai voleri esterni, anche a costo di implodere. Quando la casa discografica nel 1976 voleva cacciarli via, invece di scegliere la strada semplice scelsero di scrivere 2112, ovvero un concept album stratosferico. Da allora, sono diventati la cult band più seguita del pianeta Terra :)

Re: Rush

Inviato: mer dic 02, 2015 7:43 am
da Terru_theTerror
Va bene, vado ad ascoltarmeli dopo questa presentazione...

Lunghi giorni e piacevoli letture,
T_theT

Re: Rush

Inviato: mer dic 02, 2015 9:15 am
da AlexMai
Terru_theTerror ha scritto:Va bene, vado ad ascoltarmeli dopo questa presentazione...

Lunghi giorni e piacevoli letture,
T_theT


Inizia con Moving pictures... prenderai una settimana di ferie ;)

Re: Rush

Inviato: sab dic 05, 2015 9:31 am
da Ktulu
io amo molto il prog, amo molto il rock di quegli anni, amo molto i concept, amo molto anche certo metal.....eppure coi rush non ce l'ho fatta! il motivo è uno solo: la voce del cantante! per me è irritante! lo so che mi perdo grandi cose, ma per me la voce è molto importante

Re: Rush

Inviato: sab dic 05, 2015 1:36 pm
da rose
Ktulu ha scritto:io amo molto il prog, amo molto il rock di quegli anni, amo molto i concept, amo molto anche certo metal.....eppure coi rush non ce l'ho fatta! il motivo è uno solo: la voce del cantante! per me è irritante! lo so che mi perdo grandi cose, ma per me la voce è molto importante

Ho il tuo stesso problema...Però qualcosa si salva...so che verrà un colpo ad Alex ma...è proprio la voce di Lee che trovo sgradevole...un po come per ozzy Osborne...dei Black Sabbath mi piacciono molto i primi due album poi....unghie sulla lavagna... :roll:

Re: Rush

Inviato: mer dic 09, 2015 1:55 pm
da AlexMai
Provate ad ascoltare solo gli strumentali... sono una decina, e valgono quanto discografie intere ;)